Biberon e posizione per l’allattamento

Biberon posizioneSia che tu stia usando un biberon per integrare l’allattamento al seno, sia che stia alimentando tuo figlio solo con il biberon, ci sono alcune tecniche e posizioni da imparare che potrebbero aiutarti a dare a te e al tuo neonato un’esperienza di allattamento artificiale meno stressante e più sana.

Angolo

L’alimentazione ad angolo è molto simile alla presa della culla, con l’unica differenza che non dovrai usare il braccio per sostenere il peso del bambino. È la posizione utilizzata per allattare con il classico biberon chicco e il biberon Nuk. In questo caso, infatti, potrai utilizzare un cuscino per tenere il piccolo più vicino al tuo corpo, ma allo stesso tempo in posizione verticale per una migliore esperienza di allattamento.

Questa tipologia di allattamento è molto utile quando il neonato sta attraversando il periodo dell’alimentazione a grappolo, che può accadere sia ai bambini allattati al seno che al biberon. Questo perché le tue braccia non si stancheranno per le poppate frequenti, poiché il cuscino ti farà sentire più a tuo agio.

Con l’aumentare delle tecniche e posizioni di allattamento, migliorerà sempre di più anche il comfort del neonato durante questa fase. In ogni caso, parla sempre con il tuo pediatra o con lo specialista dell’allattamento prima di apportare qualsiasi modifica alla tua routine.

Ecco degli ottimi biberon Chicco:

Ultimo aggiornamento: 2024-05-10

Qui ti mostro i biberon Nuk più venduti:

Ultimo aggiornamento: 2024-06-13

Verticale

L’alimentazione in posizione verticale è proprio come suggerisce il nome, ovvero consiste nel nutrire il tuo bambino quando è seduto col busto eretto. Questa posizione si rivela la migliore per i bimbi più grandi che hanno un maggiore controllo del loro corpo. Puoi metterlo in grembo e lasciare che si appoggi sul tuo petto o nelle tue braccia.

La posizione di alimentazione verticale è perfetta per i bambini che hanno a che fare con reflusso acido o gas (il biberon del Dr. Brown può aiutare anche in questo). Questa posizione può essere eseguita ovunque perché è molto semplice e non comporta alcuno stress per il neonato.

Ultimo aggiornamento: 2024-06-06

Grembo

Con l’allattamento al grembo, dovrai sdraiarti completamente o metterti seduta con le gambe in alto piegate alle ginocchia. Questa posizione è l’ideale anche se utilizzi il biberon Suavinex 3 posizioni. Posiziona il ​​bambino con la schiena sulle tue cosce, di fronte a te, con la testa rivolta contro le tue ginocchia e i suoi piedini sul tuo stomaco.

Con questa posizione potrai stabilire un legame ancora più forte con tuo figlio e, al contempo, consentirai alle tue braccia di riposarsi. L’unico svantaggio è che è difficile da attuare all’aperto, quindi considera questa posizione solo quando sei a casa.

Ultimo aggiornamento: 2024-06-06

Posizione della culla

Una delle posizioni di allattamento al biberon più tradizionali è quella della culla e consiste nel mettere la testa del bambino nell’incavo del tuo braccio, avvolgendo la tua mano intorno al suo sedere. Quindi, solleva il gomito in modo che egli sia leggermente angolato, con la testa più in alto del corpo.

Il vantaggio di questa posizione è che aiuta a prevenire l’infezione all’orecchio ed è più facile osservare le espressioni del suo viso; inoltre, può essere adoperata anche all’aperto. L’unico svantaggio è che il tuo braccio potrebbe stancarsi dopo una sessione di allattamento di soli 10-20 minuti.

Alimentazione stimolata

Chiamata anche alimentazione stimolata reattiva, questa è una tecnica che imita l’allattamento al seno; incoraggia il bambino a prendere il controllo del processo di nutrizione e a riconoscere quando si sente pieno. L’obiettivo è aiutare il piccolo a mangiare più lentamente e ad assaporare di più il latte, proprio come farebbe durante l’allattamento al seno.

Funziona in questo modo: il bambino si siede più in posizione verticale e tu solletichi le sue labbra con il biberon. Una volta che il neonato mostra di volere il latte, metti il ​​capezzolo nella sua bocca e tieni il biberon in posizione orizzontale. Alcune mamme aspettano persino che il latte raggiunga il capezzolo del biberon, in modo da imitare il ​​seno durante l’allattamento.

Vedi anche biberon per allattamento al seno.

Quindi, ogni 20 o 30 secondi, inclina la bottiglia verso la parte superiore della bocca del bambino per interrompere il flusso del latte. Con l’alimentazione a ritmo costante, puoi cambiare anche lato come faresti con l’allattamento al seno.

Potenziali vantaggi dell’alimentazione stimolata:

  • il nutrimento eccessivo può diventare un problema minore;
  • l’alimentazione in questa posizione diventa più facile per il neonato;
  • rende più semplice il passaggio dal seno al biberon e viceversa;
  • aiuta il piccolo a sviluppare la propria comprensione della sazietà.

In base alla richiesta

L’alimentazione su richiesta è in realtà una tecnica emergente sorta negli ospedali e nelle cliniche, originariamente per i bambini nati prematuri o con altre difficoltà di alimentazione. Questa tecnica consiste principalmente in una velocità di flusso più controllata, ovvero più lenta, per aiutare le vie aeree dei neonati prematuri, utilizzando una posizione rialzata lateralmente con fasce, stimolando così l’alimentazione.

Inoltre, avrai anche un buon supporto per tenere il bambino fermo ed evitando di muovere troppo il capezzolo nella sua bocca. L’obiettivo di questa posizione è portare i neonati pre-termine e altri ad alto rischio in uno stato di alimentazione orale completa, onde evitare di ricorrere ai tubi di alimentazione; pertanto, i neonati possono nutrirsi completamente dal seno o dal biberon.

Potenziali vantaggi dell’alimentazione su richiesta:

  • l’approccio qualità rispetto alla quantità migliora l’esperienza di allattamento del bambino;
  • la ricerca ha dimostrato che ci sono meno problemi di alimentazione e miglioramento della salute del neonato;
  • aumento della regolazione emotiva, della parola e del linguaggio e delle capacità motorie nei bambini;
  • aiuta il neonato a sviluppare la propria comprensione della sazietà.